fbpx
Menu

Claudio Caporaso

Claudio Caporaso ha conseguito il Diploma di Maestro D’Arte presso l’Istituto Statale d’Arte “F. Palma” di Massa.
La sua passione per la scultura e per l’elemento legno lo porta a prendere la Qualifica di allestitore di interni di barche da diporto conseguito presso il “Cisita” Regione Liguria e ad essere nominato Maestro d’ascia.
Molto presto l’Associazione Indipendente per lo Sviluppo delle Arti in Italia lo Nomina Responsabile Nazionale per la sezione “Scultura” e riceve un’ulteriore delega alla formazione artistica dal Comitato Provinciale della Spezia INFAP (Istituto Nazionale Formazione ed Addestramento Professionale).
Anche il “Comitato Nazionale per Cristoforo Colombo” lo vuole come suo Scultore ufficiale.
All’inizio della sua carriera si aprono una serie di mostre Collettive e Personali che lo consolidano nel panorama artistico italiano e in seguito europeo.
Con il suo trasferimento nella metropoli milanese iniziano nuove collaborazioni e nuovi orizzonti: il più fortunato il ciclo dedicato alla danza, nato per gioco con la creazione di piccole ballerine e approdato dapprima al prestigioso Concorso DanzArte Premio Caporaso (che ha seguito i più importanti stage del settore in tutta Italia accanto ai più importanti nomi del mondo della danza) e in seguito investito del ruolo di scultore ufficiale per Italian Dance Award che premierà le più prestigiose scuole di danza del mondo.
Nel frattempo le sue opere entrano a fare parte a titolo permanente di Gallerie rinomate (SpazioFrisi, Virtutismuseum, Ada Zunino), a Villa Erba Cernobbio (CO) e diversi collezionisti d’arte iniziano a interessarsi alla sua produzione artistica. Come Artista di Chiara Fama viene contattato da una rinomata Casa D’Aste e decide di mettere all’asta due sculture ricevendo un ottimo successo.
I premi a lui riconosciuti sono ormai non più elencabili: primo premio assoluto per svariati anni come artista dell’anno sezione scultura per Ass.I.S.Art.Italia; Premio Michelangelo (Lecce), selezionato per la XIII Biennale di Roma.
Un’artista completo che dalle opere più piccole ha saputo anche mettere in piazza opere pubbliche e monumenti sul territorio italiano: Monumento per i Caduti, Piazza 25 Aprile in Deiva Marina.
Monumento a Sant’Antonio Maria Gianelli nel Comune di Brugnato. Medaglione monumentale dell’Ammiraglio Benedetto Brin nell’omonima piazza nella sua città natale La Spezia. Maiolica commissionata dall’Amministrazione Comunale di Cusago (Mi).
Hanno documentato la sua attività: quotidiani, tv locali di varie regioni, Sky su vari canali, radio e riviste specializzate fra cui “EuroArte” (A.M.G. Edizioni, Lecce), Annuario Grandi Maestri (Centro Diffusione Arte Editori), Rivista d’arte Boè, Genova in Magazine, Annuario “Catalogo dell’Arte Moderna 2009” Mondadori, Annuario 2007 “La Pergola Arte”, Annuario “Pittori e Scultori Italiani del ‘900” 2009 Il Quadrato, Annuario Sarart 2009, “Albo Internazionale Pittori e Scultori” 2010, “Italia in Arte 2011”, “Arte del XXI Secolo” 2012, “Euroarte” 2012, GigArte 2019, ecc.
Ottiene inoltre l’inserimento Onorario nell’Albo Nazionale Scrittori e Artisti come Esponente Di Chiara Fama e sono tanti i critici e gli storici che iniziano presto a parlare di lui:
Mio Marco L.Z. (Amici del Quadrato), Stefano Tomà (Uno Tv), Alessandra Mazza (AssISArt Italia),
Raffaele De Salvatore (EuroArte), Prof. Giuseppe Benelli, Dino Marasà, (Critico D’arte Palermo),
Micael Musone (Critico D’arte Firenze), Prof.sa Anna Francesca Biondolillo (Critica d’Arte), Prof. Salvatore Autovivo (Direttore Galleria Civica Monreale – PA), Prof. Giuseppe Mendola (Critico e storico d’arte), Ada Zunino mecenate d’arte; Marco Grilli storico dell’arte e critico; Pino Chiovaro Presidente Biennale Roma, G. Dario Martino (storico scrittore), Walter Venanzio, Aldo Pero.