fbpx
Menu

Esistenze Inafferrabili – Dario Ballantini solo exhibition

Dario Ballantini in mostra a Firenze

 Vernissage sabato 11 gennaio ore 18 alla presenza dell’artista

21 opere raccontano in una mostra monografica la fragilità della condizione umana nella pittura di sensazioni di Dario Ballantini

Artista livornese dalla personalità poliedrica, Dario Ballantini, si dedica all’arte e alle arti performative da oltre trenta anni. Abile imitatore e attore, noto al grande pubblico per la sua camaleontica capacità di trasformista, l’artista rivela il suo volto più sincero nella pittura: un atto liberatorio che nasce da una profonda e inesauribile necessità espressiva.

Affascinato dagli esiti formali raggiunti dalle avanguardie storiche del primo ‘900 e in particolar modo dall’espressionismo tedesco, Ballantini elabora un linguaggio espressivo libero da schemi progettuali, caratterizzato dall’ uso dinamico del segno e del colore, con il quale esterna la sua visione del mondo.

In mostra a Firenze, una selezione di opere realizzate ad acrilico su tela, carta intelata e tavola, frutto della sperimentazione stilistica dell’ultimo decennio. Opere che presentano come tema fondante la condizione esistenziale dell’essere umano.

Pennellate dal cromatismo accentuato con una prevalenza di toni rossi, blu e neri, magistrali quanto frettolose, mettono in scena quanto di più inafferrabile esista nell’esistenza umana: l’uomo, vittima e carnefice del proprio tempo, si trova smarrito e inerme davanti all’incessante scorrere del tempo. Con semplicità e immediatezza di espressione, l’uomo di Ballantini si dimena nel caos generato dall’angoscia e dalla solitudine, e si interroga sul mistero della vita in un mondo incarnato dalla grande metropoli industriale. La città frenetica e allucinata, composta dai suoi edifici, lamiere e strade, ingloba, travolge e risucchia l’esistenza umana, in un gioco di decostruzione e ricostruzione del corpo umano, nel quale il volto tuttavia permane. Volti deformati e rapiti dall’angosciante presente, ancora capaci di reagire all’ineluttabilità della vita, come suggerito dai titoli delle opere trascritti sul recto dei suoi dipinti.

Ed è proprio il volto dell’essere umano indagato nelle sue mille sfaccettature e maschere, “il miglior paesaggio che ci possa essere in pittura”, così come afferma lo stesso Ballantini, a suggerirci una via di fuga dall’immane crisi esistenziale contemporanea: in quei volti, l’osservatore si riconosce e immedesima, trovando un principio di speranza e rinascita.

“Esistenze Inafferrabili”

Mostra personale di Dario Ballantini

11 gennaio – 31 gennaio 2020

Vernissage sabato 11 gennaio alle 18

Galleria La Fonderia, Via della Fonderia, 42R, Firenze

Orari di apertura: dal martedì al sabato 10:00 – 13:00, 15:30 – 20:00

 

Biografia/Biography

 Dario Ballantini nasce a Livorno nel 1964.

Cresciuto in un ambiente familiare creativo e stimolante – padre e zio pittori, nonno attore filodrammatico – manifesta sin da giovane una forte inclinazione per la pittura e per le arti performative. Attratto dalle riproduzioni delle opere di Guttuso e Picasso e dai fumetti di Jacovitti e degli autori Marvel, frequenta un corso di tratteggio tenuto da Giulio Guiggi (1912-1994) e successivamente si iscrive al Liceo Sperimentale di Livorno. Nel 1984, dopo aver conseguito la maturità artistica sotto la guida di Giancarlo Cocchia (1924-1987), presenta la sua prima personale al Centro Culturale “La Ragnatela” di Livorno e partecipa a diverse collettive nell’ambito Livornese – Toscano, proponendo opere di stampo neorealista ed espressionista. Negli stessi anni esordisce con il duo “Le Cornacchie” al programma tv “Ciao Gente” condotto da Corrado Mantoni e recita in teatro in una compagnia dialettale che mette in scena le opere di Beppe Orlandi.                                                                                                A seguito della personale alla Galleria Teorema di Firenze nel 1989, inizia un periodo di crisi artistica e produttiva. La creatività di Ballantini tuttavia non si arresta: realizza le scenografie e i paraventi artigianali di spettacoli teatrali, tra i quali la pièce “Petrolini Petrolini”, di cui è autore e interprete. Negli stessi anni si dimostra un abile trasformista, tanto da impersonificare personaggi dello spettacolo durante performance live in feste, rassegne, sagre. Uno straordinario successo che gli permette di approdare nel 1994 al tg satirico “Striscia la Notizia”, programma di Antonio Ricci.

Nel 2002, torna a dedicarsi alla pittura, esponendo nella storica Galleria Ghelfi di Verona e alla Galleria d’Arte Borromeo a Padova, incoraggiato e supportato da Achille Bonito Oliva e dal giornalista Stefano Lorenzetto, nonché dal suo amico e consigliere Massimo Licinio, grande estimatore della sua pittura. Contemporaneamente proseguono i successi televisivi: Ballantini partecipa allo show “La Notte Vola” in coppia con Gianni Fantoni e propone nuove imitazioni a “Striscia” con la collaborazione della truccatrice Mariangela Palatini.

Nel 2003 organizza una personale a Milano presso la Galleria Santerasmo, a cui seguiranno esposizioni a Fano, Genova, Lerici, Como, Cesenatico, Padova etc. e partecipazioni a collettive, tra le quali si ricorda “Modigliani e i suoi amici di oggi” allestita presso la Casa Natale Modigliani a Livorno.

Nel 2005, in occasione della premiazione dei “Telegatti”, una sua opera realizzata appositamente per Tv Sorrisi e Canzoni viene riprodotta su porcellana e consegnata a tutti i premiati. La sua attività di trasformista riscuote intanto successi con la sua presenza decennale nella trasmissione “Striscia La Notizia” in cui interpreta personaggi come lo stilista Valentino ed il Presidente della Ferrari Montezemolo, nonché molti uomini politici.

Nel 2006 il critico Fabio Marcelli lo invita a esporre nello spazio “Regalobello” delle ex Distillerie Montini a Fabriano e cura la pubblicazione del volume monografico “In Arte Dario Ballantini” edita da Silvana Editoriale. Nello stesso anno Ballantini riceve da Bonito Olivia il premio “A.B.O” d’Argento per la pittura e partecipa ad Art Verona, mentre due anni più tardi espone alla Galleria di Palazzo Coveri a Firenze e a Castel dell’Ovo a Napoli con la mostra itinerante “Visioni Sommerse”, successivamente allestita presso la Galerie de l’Europe di Parigi, al Castello di Saint Rhèmy in Valle d’Aosta.

Nel 2009, su invito di Davide Rampello, Presidente della Triennale Bovisa, Ballantini presenta la personale “Identità artefatte” affidata a Licinio. L’esposizione, nata con l’intento di coniugare le molteplici attitudini artistiche di Ballantini, farà tappa negli anni successivi nelle principali città italiane.  Contemporaneamente porta avanti l’attività teatrale di trasformismo a “Striscia”, entra nel cast del film “La prima cosa bella” di Paolo Virzì e conduce il programma “Ottovolante” su Radio Due.

Dal 2010 le manifestazioni artistiche che lo riguardano si moltiplicano: Ballantini, stimato da grandi maestri e critici d’arte, si impone nell’ambito dell’arte contemporanea nazionale ed internazionale, partecipando ad Art Basel Miami e alla 54a Biennale di Venezia del 2011 nel progetto “Padiglione Tibet” e nel “Padiglione Italia”, curato da Vittorio Sgarbi, prima a Milano e poi a Torino. Nello stesso anno è presente alla Galleria La Telaccia di Torino, alla Acquire Gallery di Londra, alla Fortezza medicea Girafalco a Cortona e collabora con Euart Tour 2011-2012-2013 (Usa), con il quale le sue opere vengono esposte in collettive a Tallhassee, New York e Miami. Nel 2012 presenta alla Fiumano Art Gallery di Londra, “Fake Identities”, mostra che ottiene un tale successo da condurlo all’Università di Cambridge per tenere un incontro con gli studenti sul tema psicologia-arte. L’anno successivo, svolge una Lectio Magistralis presso l’Accademia di Belle Arti di Verona e inaugura le mostre al Museo Miit di Torino, al Palazzo Sant’Elia di Palermo, al Palazzo Fondazione Banca del Monte di Lucca e all’ArtmoorHouse di Londra.

Nel 2014 conduce il programma radiofonico “Vintage People Ballantini e gli Altri” e debutta alla Sala A di Via Asiago di Rai Radio Due con il suo spettacolo “Da Balla a Dalla”, progettato da Massimo Licinio, scritto da Ballantini con le musiche del Maestro Stefano Cenci, tutt’ora in corso nei teatri italiani. Nello stesso anno contribuisce ad arricchire la parete di ingresso della Metropolitan International School di Miami, con un dipinto di circa 10 metri, e il Wynwood Walls, sede del Presidente di Real Estate, con una live perfomance durante la quale dipinge 19 metri di parete.

Nel 2015 conduce “Ridi Rai” su Radio 1 insieme a Licinio e continua la sua permanenza a “Striscia” con nuove esilaranti imitazioni. Contemporaneamente partecipa alla collettiva “Gli Eclettici”, organizzata nell’ambito di EXPO 2015 a Milano. Nello stesso anno “Identità Artefatte” approda alla Galerie St. Jacques 5 di Bruxelles.

Nel 2016 si avvicina alla scultura: le sue prime opere in bronzo vengono esposte al Circolo della Stampa di Milano e successivamente all’Electronic Art CAfè Camponeschi a Roma. In quest’ultima esposizione viene presentato per la prima volta il video “Fake to Face” ideato da Ballantini e Licinio e realizzato da Roberto Baeli. Nello stesso anno presenta “Cambia Pensiero” al Museo della Carta di Toscolano Maderno e al Museo Musa Salò di Bergamo.

Nel 2017 inaugura la personale “Dipinti Sculture Video” a Genova e Varese, mostra che l’anno successivo approda a Bergamo e Piacenza, seguita dalla nuova esposizione monografica “Strutture Umane” allestita nella Galleria Comunale di Prata di Pordenone, al Museo della Memoria Locale di Cerreto Guidi, a Castel San Zeno di Montagnana e allo Spazio Dinamico Arte di Pietrasanta.

Nel 2019 Ballantini torna a Firenze con la personale “Esistenze Inafferrabili” presso la Galleria d’arte La Fonderia.

 Esposizioni/ Exhibitions

Fra le molteplici esposizioni si riportano le seguenti: Centro Culturale “La Ragnatela”, Livorno – Rotonda EXPO, Livorno – Galleria Teorema, Firenze – Palazzo delle Esposizioni (Roof Garden), Roma – Galleria Gmb Arte Moderna e Contemporanea, Vicenza – Galleria Artesanterasmo, Milano – Casa natale Modigliani, Livorno – Art Verona 2006, Verona – Centro d’Arte Minerva, Perugia – BAF Bergamo – Mazzoleni Art Gallery, Alzano Lombardo – Palazzo Robellini, Aqui Terme – Casa dell’Arte al Teatro, Piacenza – Palazzo Coveri, Firenze – Castel dell’Ovo, Napoli – Triennale Bovisa, Milano – Arsenale d’Iseo, Brescia – Galerie de l’Europe, Paris – Castello di Saint-Rhémy-en-Bosses, Aosta – Pescara Art Evolution, Pescara – Italians do it better, Basilea –  Art Basel Miami 2010 – Galleria La Telaccia, Torino – Fortezza Medicea Girifalco, Cortona  – Torino Arte 150, Torino – Londr’a Artexhibition 2011, London – Galleria Brehova, Praha – 54° Biennale di Venezia, Padiglione Tibet – Arte Forte, Forte dei Marmi – – 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, Padiglione Italia, Milano-Torino – Fiumano Fine Art, London – Euart 2011, The Brogan Museum, Tallahassee (Florida) – La Dolce Vita Fair, London – The Art Now Show, New York City – Palazzo delle Esposizioni, Roma – Palazzo Mediceo, Seravezza – ArsMoorHouse, Londra – Anglia Ruskin University Cambridge – Museo MIIT Torino – Palazzo Sant’Elia, Palermo – Fondazione Banca del Monte di Lucca, Lucca  – Galleria d’Arte Pietrasanta, Pietrasanta – Expo 2015, Milano – Galerie St. Jacques 5, Impasse (Sablon) Bruxelles – Circolo della Stampa, Milano – Palazzo Salmatoris, Cherasco – Museo della Carta, Toscolano Maderno – Museo Musa Salò, Bergamo – Museo della Commedia di Prè, Genova – Galleria Comunale, Prata di Pordenone – Museo della Memoria Locale, Cerreto Guidi – Castel San Zeno, Montagnana.