Menu

A-criticArt

A-criticArt è nato il 13 marzo 1989. È cresciuto in Basilicata e si è trasferito a Firenze, dove attualmente vive e lavora, all’età di 21 anni. Si è laureato in Psicologia Clinica e della Salute all’Università degli Studi di Firenze.

Il suo interesse per la comunicazione e lo studio dell’espressione delle emozioni ha influenzato la scelta del suo corso di laurea e ha ispirato i suoi dipinti.

Autodidatta, si è sempre dedicato alla creazione di ritratti; i suoi soggetti sono inizialmente ispirati a personaggi e icone del cinema, della musica e dello sport. La sua vena artistica tuttavia lo ha portato a una ricerca continua, spaziando dalla raffigurazione delle malattie mentali, agli scorci cittadini, alla scomposizione dei soggetti.

Tra le mostre da segnalare ricordiamo “Cityscape”, presso La Galleria d’arte La Fonderia (settembre 2018), alla mostra “From Bologna to Paris”, in collaborazione con la Galleria Farini, presso la Espace Thorigny di Parigi (dicembre 2018) e “Orizzonti Contemporanei, Medina Roma al Premio Art-e 2018”, presso il Monastero di Sant’Erasmo a Roma (dicembre 2018-gennaio 2019).

“Osservando l’opera di A-criticArt ci si chiederà immediatamente a quale categoria estetica egli avrebbe fatto riferimento. Se forte è il suo interesse per la comunicazione non verbale che avviene mediante le espressioni del volto e l’intero compendio ad esse legate, è altrettanto vero che tale interesse deriva anche da studi in psicologia che hanno determinato nell’artista una peculiare formazione ontologica in grado di rendersi ispiratrice del suo percorso illustrativo e figurativo. […] A-criticArt, propone pertanto una riflessione di matrice speculativa e che si inabissa nella determinazione identitaria in cui l’uomo contemporaneo non riesce spesso a distinguere il reale dall’ideale, il vero dal millantato. ecco, dunque, che l’artista lucano tenta di portare ad emersione una tecnica propria dell’arte drammaturgica, secondo un linguaggio illustrativo generato dalla ritrattistica a matita che magistralmente segna la sua carriera.” Tratto dal catalogo della mostra “First international exhibition in Paris” presso L’Espace Thorigny.

X